Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mou vuole Saka: “Talento vero ed è versatile”

Saka

Lo Special One ha un debole per il giovane dell’Arsenal

Il range è quello giusto, il prezzo molto probabilmente no. Ma se la Roma di Mourinho vuole fare un passo avanti anche nella scelta dei giocatori su cui investire, Bukayo Saka è uno di quelli su cui oggi si può mettere un forziere pieno di dobloni d’oro per poi avere una sicurezza (tecnica ed economica) anche per il futuro, più o meno prossimo. Insomma, quei cinquanta milioni che l’Arsenal dà come valutazione del suo esterno sinistro sembrano davvero tanti. Appunto sembrano, però, perché stiamo parlando di un classe 2001 e perché Saka può fare tutti i ruoli della fascia (esterno alto o basso) e se serve adattarsi anche dall’altra parte, a destra. Insomma, un giocatore versatile, su cui Mourinho si è già espresso molto chiaramente. “Il ragazzo è giovane, ma ha già esperienza in grandi club e nel miglior campionato del mondo – ha detto lo stesso Mou a Talksport –. È molto talentuoso, è in fiducia e può giocare in più posizioni. E credo anche che sia davvero un bravo ragazzo”.

Ecco, nelle ultime 48 ore – anche prima di queste parole di Mourinho – negli ambienti di mercato ha iniziato a girare un interesse reale da parte della Roma per il giocatore dell’Arsenal. Certo, c’è lo scoglio dei cinquanta milioni di euro che vuole l’Arsenal, ma pure la possibilità – in caso – di trovare un’intesa per un’operazione quadro che porti in giallorosso anche il centrocampista svizzero Xhaka. Per lo svizzero la Roma ancora ferma a 16 milioni e i Gunners che non vogliono scendere sotto i 20, forse anche 22. Certo, se poi l’operazione si ampliasse e andasse a coinvolgere proprio Saka allora magari si potrebbe trovare un punto d’intesa. Magari aumentando l’offerta per Xhaka e portando a casa anche il giovane esterno sinistro, con un prestito oneroso importante (anche 5-6 milioni) e un obbligo di riscatto fissato per la prossima estate. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa