Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il granitico Rui: la Roma lo esalta

Rui Patricio

Se chiedi a Mourinho quale sia la qualità migliore di Rui Patricio, lui muoverà la mano orizzontalmente a velocità costante per disegnare la risposta

Se chiede a Mourinho quale sia la qualità migliore di Rui Patricio, lui muoverà la mano orizzontalmente a velocità costante per disegnare la risposta. La parola chiave è continuità. “Rui è Rui” ha detto di recente, come per trattare con naturalezza un argomento scontato: vi aspettavate che il titolare della nazionale portoghese, campione d’Europa e protagonista di una finale, fosse un portiere scarso?

E dire che durante la preparazione estiva Rui Patricio aveva commesso un paio di errori preoccupanti. La speranza della Roma è che abbia esaurito il bonus, o meglio il malus, riservando prestazioni di qualità per le partite ufficiali.

Finora è stato praticamente impeccabile, se non di più. Nell’esordio di Trebisonda fermò con sicurezza gli slanci dei turchi sull’1-1, prima che Shomurodov segnasse il gol della vittoria. Al debutto in Serie A, ha sbarrato la porta a Vlahovic. Nel ritorno contro il Trabzonspor, altre due parate contro Victor Hugo e Hamsik.

E poi c’è stata la notte magica contro il Sassuolo, quando ha tenuto in strada una macchia che sbandava contro Boga e Berardi già pronti ad esultare. Contate quanti punti abbia fruttato, Rui Patricio, svolgendo con diligenza il lavoro di guardiano.

Si legge oggi sul Corriere dello Sport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa