Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Calciomercato Roma, Pinto congela i rinnovi: il gm lavora su entrate e uscite

Per i contratti di Zaniolo, Veretout, Cristante e Mancini, tutti in scadenza nel 2024,  discorso rinviato al prossimo anno. Borja Mayoral vicino alla Fiorentina

Nessuno bussa. Nessuno telefona. Nessuno si presenta allo stadio. Almeno per provare ad abbozzare un inizio di discorso a proposito di un adeguamento e prolungamento contrattuale. L’unico contratto che da qui alla fine dell’anno sarà dato alle stampe, sarà quello di Ebrima Darboe, contratto già definito nei dettagli nelle settimane scorse.

Tutti gli altri dovranno attendere, un po’ come il paradiso. Gli altri, poi, non sono certo nomi di secondo piano. Perché si tratta di Nicolò Zaniolo, Gianluca Mancini, Bryan Cristante e Jordan Veretout, quattro titolari che andranno tutti in scadenza il trenta giugno del duemilaventiquattro. Con alcuni dei procuratori coinvolti (Giuffredi per Veretout, Vigorelli per Zaniolo, Riso per Cristante e Mancini), nel recente passato ci sono stati alcuni incontri e contatti per provare a buttare giù le prime linee programmatiche per un adeguamento e prolungamento dei contratti dei loro assistiti. Del resto, da qui al prossimo trentuno gennaio, giorno di chiusura di quello che una volta era definito il mercato di riparazione, il direttore sportivo giallorosso vuole pensare soltanto alle operazioni in entrata e in uscita. Avendo come obiettivo quello di consegnare a Mourinho una rosa che piaccia almeno un pochettino di più allo Special One. Tra le sempre permeabili mura di Trigoria, le parti in causa, proprietà, Pinto e Mourinho, hanno pianificato la partenza di due-tre giocatori e l’arrivo di altrettanti. Due acquisti, per quello che sappiamo, comunque ci saranno. Ovvero un centrocampista (Zakaria il preferito) e un esterno difensivo (Mazraoui in pole, Bereszynski ci è stato bocciato). Per il resto si vedrà. Lo scrive Il Romanista.

LEGGI QUI L’ARTICOLO COMPLETO!

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa