Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Sergio Oliveira: “Il mio gol conta poco. L’importante è che la Roma abbia vinto”

Il centrocampista giallorosso: “Sono molto felice qui. La squadra ha conquistato una grande vittoria”

Sergio Oliveira ha parlato dopo la vittoria per 2-4 della Roma in casa dell’Empoli. Ecco le dichiarazioni del centrocampista portoghese.

“Il gol conta solo perché abbiamo ottenuto i tre punti, che è la cosa più importante, quindi sono contento di far parte della storia di questo grande club. Come ho detto, sono molto felice qui e tutta la squadra dovrebbe essere felice perché abbiamo giocato una grande partita e abbiamo ottenuto tre punti chiave”.

“Cambiare club a gennaio non è mai facile, ma mi sono preparato al meglio che potessi. So che ci sono grandi richieste in questo club. Spero di rimanere sulla strada giusta. Il gol non significa molto per me. Significa solo… sono solo contento che abbiamo vinto tre partite, perché è questo che mi rende felice. Non mi interessa segnare gol e servire assist, purché vinca la Roma”.

“La cosa più importante è lavorare sodo tra di noi e fare il lavoro che dobbiamo fare. Come ho detto nella mia prima intervista, questo è il tipo di pressione che dobbiamo mettere su noi stessi. Dobbiamo voler migliorare ogni giorno. La cosa più importante erano i tre punti. Abbiamo ottenuto quattro gol nel primo tempo e ottenuto un ottimo risultato. Ora ci sono cose da migliorare, come sempre“.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra