Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Zalewski: “Devo questo traguardo ai miei compagni. C’è una finale da vincere”

Le parole del giovane esterno della Roma: “Speriamo che passerò una nottata tranquilla anche prima della finale”

Nicola Zalewski ha parlato ai microfoni di Sky Sport dopo la conquista della finale di Tirana da parte della Roma. Di seguito le dichiarazioni del giovane esterno giallorosso.

Un titolare inamovibile di una squadra di Mourinho, sei in finale di una coppa europea, ti sei chiesto se è tutto vero?
“A volte ho questo pensiero, ma penso di aver lavorato bene durante l’anno che non è ancora finito. Dobbiamo fare più punti possibili in campionato, c’è una finale da vincere. Penso che questo traguardo finora lo devo soprattutto ai miei compagni, allo staff che mi ha sempre supportato”.

Abbiamo fatto vedere i tuoi assist, giochi con la tranquillità di un veterano. Come nasce la tua serenità?
“È semplicemente quello che mi chiede il mister, di cercare l’uno contro uno e cercare la giocata in alcune zone del campo”.

Prima di questa serata hai dormito?
“Ho dormito tranquillamente, senza problemi. Speriamo che passerò una nottata tranquilla anche prima della finale”.

Non sbagli mai una scelta, mi piacerebbe sapere qual è il tuo ruolo? Come nasci?
“Principalmente trequartista ed esterno offensivo”.

Ti stai adattando benissimo, ma in alcune situazioni si può pensare di vederti più avanti?
“Quella è una scelta che prende il mister, se servirà mi farò trovare pronto come ho fatto per questo ruolo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra