Resta in contatto

Rassegna Stampa

Totti: “Pellegrini è da 10. E saprei che fare con Zaniolo…”

Le parole dell’ex capitano giallorosso

Di parlare non aveva molta voglia, ma quando un amico come Bruno Conti inaugura a Nettuno i suoi campi da padel e ti chiama è difficile dire di no. Francesco Totti, con Daniele De Rossi, Aldair, Candela e Cabrini, di no non lo ha detto e, tra una partita e l’altra, ai microfoni di Sky è tornato a commentare il mercato della Roma.

Partendo da quel Paulo Dybala che lui aveva detto di volere in giallorosso e per questo avrebbe provato a convincerlo: “Io so come è andata con Paulo. Anche ora lo sento, ma penso che sia finita. Quello che è successo non è dipeso solo da lui, altrimenti ci sarebbe stata una buona speranza“. A chi si riferiva Totti? Alla Roma, che non ha affondato il colpo, o all’entourage dell’argentino, che lo avrebbe spinto verso l’Inter?

Francesco non lo chiarisce, mentre definisce, ancora una volta, quanto sia forte la sua stima per Lorenzo Pellegrini: “Potrebbe essere il nuovo 10 della Roma, ma conoscendolo non credo voglia prendere quella maglia. È fondamentale, duttile, tutte le squadre lo vorrebbero. Se io gli darei la 10? Io non c’entro più nulla con questo, è la società che deve decidere con il calciatore“.

La società deve decidere anche il futuro di Nicolò Zaniolo e, in questo caso, le parole di Totti sono meno dolci rispetto a quelle per Pellegrini: “Ho già parlato con lui tempo fa, gli ho dato qualche consiglio, ma non so se lo ha recepito. Se dovesse rimanere a Roma, deve capire l’importanza di questa maglia, soprattutto per onorare i tifosi che quest’anno hanno fatto qualcosa di diverso per la squadra. Poi la scelta spetterà a lui. A lui e alla società, se lo vuole vendere. Io saprei cosa fare con Zaniolo”. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa