Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, momento magico per i Friedkin: volano i ricavi del gruppo. I tifosi sognano

The Friedkin Group è arrivato a fatturare 10,7 miliardi di dollari, soglia che lo porta in vetta alla classifica delle migliori aziende private

The Friedkin Group è arrivato a fatturare 10,7 miliardi di dollari, soglia che lo porta in vetta alla classifica delle migliori aziende private. E nella Capitale ora sperano nei colpi mercato…

Un momento magico, non solo per la Roma. E in attesa di piazzare i prossimi colpi di mercato, i Friedkin si godono i successi del loro gruppo, che nel 2021 è arrivato a fatturare 10,7 miliardi di dollari, soglia che ha permesso al The Friedkin Group di issarsi in vetta alla classifica delle migliori aziende private, classifica stilata dal Chronicle 100. Da quando l’azienda di famiglia esiste (1960) è la prima volta che si spinge così in alto, ora che l’intera holding ha raggiunto i 6.000 dipendenti, di cui 1.800 nel centro nevralgico di Houston.

È evidente come la Roma per ora sia soprattutto un costo, con i Friedkin che da quando hanno acquisito il club hanno immesso nelle casse giallorosse quasi 600 milioni di euro. Ma la vittoria della Conference League, lo stadio Olimpico sempre pieno e la cassa di risonanza avuta dall’arrivo di José Mourinho in poi hanno permesso al gruppo di lucidarsi anche in altri settori. 

Autovetture, ristorazione ma, soprattutto, il cinema. Con Imperative Entertainment che ha da poco concluso le riprese di Killers of the Flower Moon, un poliziesco western diretto da Martin Scorsese con Leonardo DiCaprio, la cui uscita è prevista per la fine dell’anno. E quindi la Roma, l’altro gioiello di casa, quello a cui Dan e Ryan si sono dedicati più assiduamente negli ultimi due anni. Nella Capitale si sognano i colpi per tornare in Champions. Ed essere al pari delle altre sorelle del gruppo. In vetta a tutto.

La Gazzetta dello Sport 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa