Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 26 giugno 1984: la Roma vince la Coppa Italia. L’ultima in giallorosso di Ago (FOTO/VIDEO)

Forte del pareggio rimediato all’andata, ai giallorossi lo 0-0 per portare a casa il trofeo. L’autogol di Ferroni regala alla Roma la vittoria


Il 26 giugno del 1984 la Roma vinceva la sua quinta Coppa Italia, grazie all’1-0 contro l’Hellas Verona. I giallorossi arrivano avvantaggiati alla gara di ritorno, grazie al pareggio per 1-1 strappato sul campo dei gialloblu. In caso di pareggio per 0-0, la Roma sarebbe campione del torneo. La partita inizia bene per i giallorossi, che provano subito a mettere a segno il gol vittoria nei minuti iniziali. La partita resta però in stallo fino al 27′: calcio d’angolo per la Roma, dalla bandierina si appresta a battere Cerezo. Il cross è perfetto per la testa di Graziani, il quale però viene anticipato dal veronese Ferroni. Nel tentativo di anticipare l’attaccante giallorosso, il difensore infila inavvertitamente il pallone nella propria porta.


Nella ripresa il Verona prova a riaprire la partita, ma dopo appena 6 minuti dal fischio d’inizio, la squadra ospite si ritrova in inferiorità numerica, per via dell’espulsione ai danni dell’ex giallorosso Iorio. In 10 uomini, l’Hellas fa fatica a resistere alle percussioni dei padroni di casa, che sfiorano più volte il gol del possibile 2-0- Soltanto i miracoli di Garella eviteranno ai veronesi di rendere più rotonda la sconfitta. La Roma vince e festeggia la sua quinta Coppa Italia, alata in cielo dall’immenso Agostino Di Bartolomei.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord