Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Volpato è la pedina per sbloccare l’operazione Frattesi con il Sassuolo

Ancora distanza per Frattesi

Ancora un incontro. L’ennesimo. A dimostrazione che al di là delle dichiarazioni comunque non negative dell’ad Carnevali (“Non siamo così lontani da quello che noi chiediamo e quello che offrono loro“) Roma e Sassuolo continuano a lavorare per definire il trasferimento di Frattesi nella Capitale.

L’apertura del dirigente emiliano quando gli è stato chiesto di possibili contropartite (“La Roma ha tanti giovani bravi. Bove? C’è anche Volpato…”) è la conferma che qualcosa si è sbloccato. E a Trigoria paradossalmente debbono ringraziare la Lazio che ha soffiato Cancellieri ai club neroverde. Perché l’intransigenza sul nome di Bove è venuta così meno nel momento in cui al tecnico Dionisi serve un esterno offensivo.

Ora va trovata soltanto la formula giusta. Perché se la somma richiesta per il cartellino di Frattesi (32 milioni), defalcata del 30% in possesso della Roma porta la richiesta a 22,5 milioni, a Trigoria (fermi a 17,5) non vogliono perdere del tutto il controllo sul cartellino dell’italo-australiano. Che dopo un ottimo Europeo Under 19 ha visto la sua valutazione crescere.

Ci vorrà ancora un po’ ma la trattativa sembra ormai indirizzata verso l’happy-end. Inevitabile visto il forcing giallorosso e la volontà di Davide che pur di tornare a casa ha rifiutato le lusinghe di un paio di club in Premier. In Italia, l’unico pericolo (l’Inter) ha fatto un passo indietro a inizio giugno, quando Marotta si è visto rifiutare la proposta di un prestito biennale. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa