Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Primavera

Guidi: “La squadra sta bene. Soddisfatto di tutti i giocatori”

L’allenatore della Roma Primavera: “Il Bologna è una squadra ricca di qualità. Se giochiamo al massimo delle nostre potenzialità è più facile fare risultato”

Federico Guidi ha parlato ai canali media giallorossi alla vigilia di Roma-Bologna. Le parole dell’allenatore della Roma Primavera: “La squadra sta bene, ogni singolo calciatore si sta impegnando alla  grande, sono completamente soddisfatto di ognuno di loro, c’è grande abnegazione nel lavoro quotidiano, penso che la squadra stia bene fisicamente e questo si è visto nelle ultime partite, sia a Osimo che nella partita di Cesena”.

Subito una partita difficile.
“Assolutamente. Sappiamo che il Bologna è una squadra ricca di qualità. Il gruppo 2004 ha perso la finale in Under 18, i 2005 sono Campioni d’Italia. È una squadra che lavora insieme dallo scorso anno, sappiamo che sarà difficile ma come già vi ho detto dobbiamo essere focalizzati sulla nostra prestazione, sappiamo che se giochiamo al massimo delle nostre potenzialità è più facile fare risultato”.

Contro il Cesena hanno fatto la differenza gli innesti dalla panchina. 
“Penso che sia un fattore determinante, il calendario è estremamente particolare, ci sarà una sosta molto lunga a novembre, un campionato diverso rispetto a quello che eravamo abituati a giocare, ci saranno tanti impegni infrasettimanali. Avere tanti calciatori della stessa qualità è un vantaggio, si è visto a Osimo e anche a Cesena, quando chi è entrato ha spaccato la partita”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera