Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mourinho si affida ai fedelissimi: spazio a Pellegrini e Dybala

Lo Special One non fa conti

Forse ne avrebbe risparmiato qualcuno in più. Fatto sta che a conti fatti, la formazione di questa sera è quella che gli regala più certezze. Perché come accaduto a Udine, il messaggio che Mou rivolge a piazza e squadra è simile a quello rimasto inascoltato nella vigilia del match contro i friulani. Guai a sottovalutare i bulgari, quindi.

La Roma, arrivata soltanto in serata in Bulgaria, proverà il campo di gioco a ridosso del match. Non il massimo. José si affida ai suoi pretoriani. Avrebbe voluto risparmiare almeno uno del trio difensivo ma il Viña provato centrale in estate ancora non gli regala garanzie.

Concederà una chance a Svilar che risponde presente: “Mi sento bene, sono arrivato in un grande gruppo che mi ha accettato nel migliori dei modi. Vogliamo iniziare al meglio il girone“.

Davanti a lui, spazio al solito terzetto composto da Mancini, Smalling e Ibañez, con la coppia Matic-Cristante a fare da schermo. Sugli esterni, le novità: Karsdorp non è nemmeno partito con la squadra, spazio a Celik. Sull’altra fascia è il turno di Zalewski.

In avanti, tocca al Gallo Belotti che sarà supportato da Dybala e Pellegrini. Nessuna distrazione, quindi. Anche perché non sarà la Champions ma se la Roma andrà avanti in Europa League potrebbe trovarsi con importanti entrate nelle casse. Lo scrive “Il Messaggero”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa