Resta in contatto

Rassegna Stampa

Empoli, Zanetti: “Dybala-Mourinho, vi fermiamo con il gioco”

Intervista al tecnico dell’Empoli Paolo Zanetti alla vigilia della sfida alla Roma

Arriva la Roma dopo due sconfitte fragorose. “Beh, speriamo che ce ne sia una terza“, scherza Paolo Zanetti (intervistato dal Corriere dello Sport), che già lo scorso anno con il Venezia provocò una grande delusione a Mourinho. Adesso però sarà un’altra storia: l’Empoli viene da quattro pareggi consecutivi e dovrà giocare la partita perfetta per sbarrare la strada “a una squadra attrezzata per vincere lo scudetto“. Con grande senso della misura, Zanetti ci proverà.

Come si batte un avversario che, al di là delle difficoltà del momento, ha un grande potenziale? 

Con l’equilibrio e l’umiltà. Non vogliamo e non possiamo essere spettatori del match, dobbiamo mantenere la nostra identità.

Cioè creare gioco senza rintanarsi. Sa che è pericoloso contro la Roma? 

È più pericoloso difendere lo 0-0 e basta: perdo di sicuro. Giocando a modo nostro, abbiamo qualche possibilità. Certo, Mourinho è un allenatore straordinario che può punirti con le ripartenze. Servirà attenzione della doppia fase, per non concedere troppi spazi aperti. Non possiamo cadere nel tranello.

L’esempio della vittoria del suo Venezia, un anno fa, sarà utile in qualche modo? 

Soprattutto psicologico. Ci può far capire che a volte le piccole possono battere le grandi. Però devo ammettere che quella fu la partita migliore del mio Venezia.

A che punto è il percorso? 

Abbiamo raccolto meno di quanto meritassimo. Evitando qualche disattenzione oggi ci ritroveremo con un’altra classifica. Ma la base è buona, ciò che chiedo ai ragazzi è la continuità nelle prestazioni. Quella non sta mancando.

Come si ferma Dybala? 

Mah, parliamo di un fuoriclasse che da solo sposta gli equilibri. Ma non puoi pensare di concentrarti solo su di lui. Dybala si ferma di squadra, la Roma si ferma di squadra.

Vi siete preparati sui calci piazzati? La Roma produce gol soprattutto grazie alle palle inattive.

Non mi sorprende, perché è un gruppo che ha grande forza fisica. Ci stiamo lavorando, anche perché un calcio piazzato ci è costato due punti la settimana scorsa a Salerno.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa