Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Femminile, rimonta giallorossa: la Champions è vicina

La Roma femminile a un passo dalla storia: il ritorno con lo Sparta Praga si giocherà giovedì alle ore 14:30 allo Stadio Tre Fontane

La prima partecipazione alla Champions League ora è ad un passo. L‘As Roma femminile vince 2-1 in rimonta l’andata della finale playoff in casa dello Sparta Praga, valida per l’accesso alla fase a gironi della massima competizione continentale, grazie ai gol di Bartoli e Haavi che hanno risposto al momentaneo vantaggio di Martinkova.

Dopo un primo tempo povero di emozioni infatti (da segnalare una traversa di Giacinti) le giallorosse si sono ritrovate sorprendentemente in svantaggio a 6′ dall’inizio della ripresa a causa di un brutto errore di Giugliano che, calibrando male un retropassaggio, ha involontariamente servito a Martinkova un assist perfetto per il gol del momentaneo vantaggio.

Per la Roma la svolta è arrivata al 62′ quando Spugna ha rivoluzionato l’attacco inserendo Glionna e Lazaro al posto di Serturini e Giacinti. L’ingresso della classe ’99 e della spagnola ha ravvivato la squadra che, dopo due belle iniziative individuali di Lazaro e un gol sfiorato da Glionna, si è riversata nella metà campo avversaria.

Al 78′ è capitan Bartoli a trovare il pareggio sugli sviluppi di un corner (gol con dedica all’infortunata Di Guglielmo). A completare la rimonta è invece la norvegese Haavi, con una conclusione dal limite dell’area che al 90′ sbatte sulla traversa prima di insaccarsi in rete.

Il secondo round è in programma giovedì 29 settembre alle 14.30 al Tre Fontane: dopo aver già eliminato Glasow City e Paris Fc, per scrivere la storia manca soltanto un ultimo sforzo. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa