Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 23 settembre 2018: quattro anni dalla scomparsa di Giorgio Rossi (FOTO)

Lo storico massaggiatore romano venne a mancare esattamente quattro anni fa, a 87 anni. Ben 55 anni dedicati alla Roma, nella quale ha lasciato un segno indelebile

Esattamente tre anni fa, il 23 settembre del 2018, ci lasciava Giorgio Rossi, figura storica della Roma. Il massaggiatore romano, icona romanista visti i suoi 55 anni tra le fila giallorosse, viene ancora oggi considerato un idolo dalla tifoseria, alla stregua di capitani e bandiere. E’ stato inoltre l’unico tesserato a vivere le emozioni dello scudetto del 1983 e del 2001.

Giorgio Rossi inizia la sua carriera all’interno della Roma nel 1955, restando in giallorosso fino alla pensione, il 5 maggio 2012. Quella sera la squadra e l’intero stadio sono in festa per lui. All’età di 81 anni Giorgio Rossi riceve la maglietta numero 55 con le firme di tutti i giocatori e lo stadio gli riserva l’ultimo tripudio con uno striscioneLa Curva ti rende omaggio. Lode a te Giorgio Rossi!”. 


Ormai malato da tempo, viene ricoverato al Sant’Eugenio pochi giorni prima della sua scomparsa, avvenuta la notte del 23 settembre. Nel pomeriggio del giorno dopo alla Basilica di San Giovanni Bosco, nel quartiere Don Bosco, tutta la Roma si strinse intorno al ricordo di Giorgio Rossi; da Daniele De Rossi ad Eusebio Di Francesco, passando ovviamente per Francesco Totti, in lacrime per la perdita di una figura così importante nella sua carriera.

Fu grazie all’aiuto del massaggiatore se il capitano riuscì a recuperare in tempi da record l’infortunio alla caviglia del 2006. Lo stesso Totti, al termine della funzione, volle ricordare così Giorgio Rossi: “Era come un papà. Quando mi sono fatto male al polmone Giorgio è stato con me in sala operatoria tenendomi la mano, io avevo paura e lui mi stava accanto. Ha insegnato a tutti a essere se stessi nella vittoria e nella sconfitta”.

Lo striscione dedicato a Giorgio Rossi il giorno del suo funerale

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord