Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini resta out. Belotti dal 1′? Si può

Con il Lecce il Lorenzo Pellegrini sarà ancora out. Potrebbe partire dal 1′ Andrea Belotti

Piove sul bagnato per José Mourinho che all’indomani della sconfitta contro il Betis Siviglia ha ricevuto anche la notizia della lunga indisponibilità di Mehmet Celik. Mourinho senza il turco e Karsdorp dovrà optare nelle prossime partite sull’inserimento di Nicola Zalewski.

Il polacco a destra, Spinazzola a sinistra, con la possibilità di avere un po’ di riposo a partita in corso con Vina (fin qui utilizzato 46 minuti) o El Shaarawy. L’altra notizia non certo positiva (ma neanche così negativa come quella di Celik) riguarda Lorenzo Pellegrini.

Il capitano della Roma ha saltato la sfida contro il Betis per un affaticamento muscolare e anche domani sera contro il salentini potrebbe non essere a disposizione: non ha ancora del tutto recuperato e Mourinho può lasciarlo fuori per poi utilizzarlo dal primo minuto nella sfida contro gli spagnoli di giovedì prossimo, vista anche la squalifica di Zaniolo.

Non dovrebbero esserci tanti cambi nella partita contro il Lecce, se non il possibile inserimento di Belotti dal primo minuto, apparso in buone condizioni atletiche quando giovedì sera è subentrato negli ultimi venti minuti della gara. Il Gallo sarà supportato da Zaniolo e Dybala, elemento imprescindibile della squadra. A centrocampo sarà ancora Cristante-Matic, con la possibilità di vedere nel secondo tempo Camara, mentre in difesa potrebbe scattare un turno di riposo per Chris Smalling. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa