Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo vs Zaccagni, una sfida per l’Italia

Roma-Lazio significa anche Zaniolo contro Zaccagni

Il ct Mancini ieri era a Bergamo. Voleva vedere Raspadori, si è accontentato di Scalvini. Difficilmente si presenterà all’Olimpico, dove manderà uno dei suoi osservatori azzurri. L’altro derby d’Italia si gioca tra Roma e Lazio. Solo undici stranieri su ventidue nelle probabili formazioni. Gli altri undici sono italiani. Piacevole inversione di tendenza

Sotto porta, conterà il fattore Zeta. Zaniolo, eversore del Ludogorets, ci arriva lanciatissimo. Due gol consecutivi, lunedì al Bentegodi e giovedì con i bulgari in Europa League. Si è sbloccato, ora vuole spezzare l’incantesimo: non ha mai segnato nel derby e all’Olimpico non trova la porta in campionato da tre anni. Dentro l’assenza di Dybala si è ricavato il suo spazio accanto ad Abraham. Sarri sta calcolando la prepotenza fisica di Zaniolo. Ha chiesto alla Lazio di palleggiare bene con l’idea di non esporsi alle ripartenze.

A giugno niente Nations League: Mancini lo aveva rispedito a casa. Non erano piaciuti i cori offensivi indirizzati alla Lazio durante la festa per la Conference e alcuni atteggiamenti. Il ct lo aveva convocato in Nazionale prima che debuttasse con la Roma e ne attende la maturazione. Gli chiede di giocare meno in solitudine, di allenarsi tanto e duramente. È il destino dei giovani talenti: diventano grandi quando capiscono che una carriera si brucia in fretta.

Zaccagni, invece, è sbocciato a Formello quando aveva 26 anni. Senza Ciro, può essere l’uomo partita della Lazio. Crea superiorità, strappa e ora segna. Già 5 gol in campionato, è il suo record. Sarri lo ha migliorato nell’attacco alla porta, gli chiede di entrare in doppia cifra.

Zaniolo verrà convocato venerdì prossimo per le amichevoli con Albania (16 novembre) e Austria (20)? Possibile, non sicuro. Restano tre partite di campionato e poi Mancini tirerà le conclusioni. Tutti hanno possibilità, è il suo slogan. Il concetto vale anche per Mattia. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa