Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Europa League, calendario favorevole per i tifosi: possono sorridere per le trasferte

Urna gradita per i giallorossi almeno sulla carta: anche il calendario fa sorridere i sostenitori giallorossi

Facciamo un piccolo passo indietro nel tempo. 27 luglio, piena estate e caldo africano. La Roma aveva appena cominciato la preparazione, il mercato doveva ancora entrare nella fase clou e Mourinho sperava in qualche ricorso accolto. Ma dalla Uefa quel giovedì di luglio arrivarono solo brutte notizie: ricorso bocciato, confermate le 4 giornate di squalifica allo Special One. In più, multe anche pere il club e i suoi tifosi: trasferta vietata per un turno e Olimpico a capienza ridotta per una giornata.

Oggi, 2 settembre, sono usciti i calendari dei gironi d’Europa League. Un girone, quello della Roma, abbastanza favorevole. Unico enigma sono le lunghe trasferte da affrontare. Nella prima giornata ci sarà da affrontare lo Sheriff Tiraspol,  squadra moldava che si trova al confine con l’Ucraina. Fatto che ha reso felici i tifosi intenzionati a seguire la Roma in tutto il mondo. Motivo? La trasferta per Tiraspol, oltre che distante, è assai difficile e dispendiosa e i tifosi a causa della squalifica non potranno seguire la squadra. Fatto sta che, non tutti quindi sarebbero partiti per la Moldavia, dunque anche la Uefa ha scelto di far giocare questa partita al primo turno, guadagnandoci nelle altre trasferte di Praga e Ginevra, mete sicuramente più gradite ai tifosi giallorossi. Infine, il Servette, squadra di quarta fascia, affronterà la Roma in un Olimpico a capienza limitata, altra mossa strategica da parte dell’Uefa.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti