Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Petrachi: “Ho preso Smalling e Mkhitaryan che non giocavano. In Serie A sono diventati protagonisti”

L'ex direttore sportivo della Roma si racconta a Radio Serie A e svela un retroscena sull'acquisto dei due ex United

Gianluca Petrachi, ex direttore sportivo della Roma, ha svelato alcuni retroscena durante un’intervista a Radio Serie A. Il ds ha parlato di due giocatori portati nella Capitale, entrambi ex Manchester United: Smalling e Mkhitaryan.

“Bisogna saper trovare l’equilibrio tra il fatturato e la spesa e, con umiltà mi permetto di dire, la nostra è una Serie A malata. A parte 5-6 club virtuosi, metto ovviamente dentro anche l’Empoli e l’Atalanta, gli altri hanno vagonate di debiti. E un calcio così è tanto difficile da sostenere. Noi italiani riusciamo sempre a mettere una toppa, abbiamo delle qualità che da sempre ci vengono riconosciute. Io a Roma ho preso Smalling e Mkhitaryan che non stavano giocando, ma in Italia son diventati degli assoluti protagonisti. Questo ti fa vedere che, esempio, la Premier League è superiore per aggressività e intensità. In Serie A siamo bravi a sopperire a queste lacune con la capacità tattica di incartare gli avversari, metterci con la difesa a cinque per non farci soffocare, allenare cultura del lavoro e professionalità. Però è chiaro che tecnicamente qualche mancanza rispetto ad altri tornei ce l’abbiamo”.

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

L'attrice racconta il cambio allenatore dal suo punto di vista: non nasconde l'emozione di vedere...
È terminata 0-0 la sfida tra Torino e Fiorentina nell'anticipo del sabato sera giocato allo...

Dal Network

Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata storica...
Si affrontano due nazioni di grande tradizione, anche se negli ultimi anni il parco giocatori...
E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri, 1...