Resta in contatto

Prima Squadra

Roma-Sassuolo, Di Francesco: “Schick? C’è un percorso di crescita. Zaniolo? La società mi ha sempre sostenuto”

Eusebio Di Francesco, allenatore della Roma, al termine della gara contro il Sassuolo ha rilasciato alcune dichiarazioni. Queste le sue parole ai microfoni di “Sky Sport“:

La partita migliore dell’anno?
“Per livello tecnico e scelte fatte una delle migliori. Mi dispiace prendere gol nel finale, dobbiamo continuare a lavorare. Ho rivisto cose interessanti”

Non è stato un periodo semplice…
“Ci sarebbero tante cose da dire e il tempo è poco. Per essere una squadra importante devi adattare in base agli uomini le esigenze. Mi piace dare continuità dando certezze. I ragazzi si sono messi a lavorare con maggior attenzione”.

Ha sentito la vicinanza della società?
“Non mi è mai mancato il sostegno. L’ho detto anche l’altra volta, dobbiamo dare continuità di risultati e prestazioni”.

Cosa le ha detto Dzeko?
“Gli ho detto entra e fai gol, lui mi ha detto che non sentiva i minuti nelle gambe. È uno dei problemi che abbiamo avuto quest’anno”.

Invece cosa vi siete detti con Schick?
“Ci sono passaggi di crescita, è partito bene. Ha capacità di attaccare la porta. Sono migliorati i dettami tattici, sapevo che avremmo potuto metterli in difficoltà con una palla alle spalle”.

Schick resta a Roma? 
“Non abbiamo mai parlato di mercato. Mi ricordo quando ero a Roma, Tommasi doveva andar via poi è rimasto. Bisogna essere più equilibrati possibile sennò si fa difficile tenere in piedi la baracca”.

La scelta di Zaniolo? 
“Io avevo chiesto due giovani dell’Inter, uno era lui. I giocatori vanno messi in campo, non solo comprati. Metto in campo quando vedo qualità importanti. All’Inter non aveva fatto nemmeno una panchina, deve lavorare ancora tanto”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra