Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Roma-Sassuolo, Perotti: “Oggi siamo stati concreti, è stato un rigore difficile” (VIDEO)

Diego Perotti al termine di Roma-Sassuolo ha rilasciato le seguenti dichiarazioni a Sky Sport, sottolineando la difficoltà del rigore calciato e festeggiando il suo ritorno al gol, che mancava da Marzo del 2018.

“Cosa ho pensato prima di calciare il rigore? È stata una lunga attesa, sono minuti lunghi perché pensi tante cose, è stato un rigore difficile per quello che ho vissuto in questi mesi, sono contento. Stare lontano dal campo tanto tempo è brutto, io vivo il calcio in maniera intensa e vedere i miei campi da fuori è stata dura. Ora voglio ritornare al mio livello. Il rigore è stato più difficile di quello del derby dell’anno scorso, vincere oggi era troppo importante. È stato bello l’abbraccio dei miei compagni, quando segno voglio esultare e godermi il momento con i tifosi.
La miglior prestazione? Nel primo tempo si poteva finire 3-0, abbiamo avuto occasioni per chiudere la partita, a Torino è mancata la concretezza oggi invece lo siamo stati, possiamo fare meglio e ognuno di noi giocatori vuole sempre dare il massimo. Abbiamo giocatori fortissimi, in panchina c’erano El Shaarawy e Kluivert, siamo coperti sui ruoli. Vogliamo dare il 100% per aiutare la Roma, dobbiamo continuare a crescere”.

L’attaccante argentino ha parlato anche in mixed zone:

Come giudica la sua partita e quella della squadra? 
Penso che abbiamo fatto una grandissima partita. Potevamo fare più di due gol nel primo tempo e per fortuna abbiamo trovato il terzo nella ripresa. Dopo Cagliari sapevamo cosa poteva succedere e non dovevamo mollare niente. Loro arrivavano da un gran momento e per noi non era semplice. Per noi sono 3 punti fondamentali. Per me è stata una partita molto emotiva per quello che ho vissuto e sono molto contento.

Che idea si è fatto su questo periodo negativo? 
Come sempre, quando i risultati non vanno, tutto diventa più difficile. Ci sono state partite in cui non meritavamo di perdere, altre che non riusciti a chiudere e per questo non trovavamo la vittoria. Con i risultati di oggi di Lazio e Atalanta non era semplice ma abbiamo fatto una buona prestazione contro una squadra in un buon momento, deve essere un punto di partenza.

La crisi è finita?
Quello lo diranno i risultati. Non possiamo pensare che con la vittoria di oggi sia tutto risolto. Manca una partita prima della fine del girone di andata, dobbiamo continuare a vincere e risollevarci in classifica, ma penso che giocando come oggi i risultati arriveranno.

Ci racconta la sua esultanza, con la corsa sotto la Sud?
Avevo tanta energia dentro e poi quei 3-4 minuti di attesa prima di decidere sul rigore… Era un modo per togliermi il nervosismo. E poi avevo bisogno dell’abbraccio dei miei compagni sotto la nostra curva.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra