Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “Un punto da vera Roma”

I fischi dell’Olimpico, da mettere in preventivo dopo la figuraccia di Firenze, non sono certo per il pari contro il Milan: 1-1

I fischi dell’Olimpico non sono  per il pari contro il Milan: 1-1, esibizione decente e in crescendo. La Roma gioca meglio dei rossoneri, ma paga l’ennesima distrazione e la rimonta non avviene nemmeno nello spareggio Champions. Gattuso si tiene il 4° posto, in vantaggio di 1 punto. Di Francesco, nonostante l’emergenza, ritrova almeno il comportamento di squadra, già è qualcosa. Passano 15 minuti e la Sud, ricordato Antonio De Falchi, viene abbandonata per metà: è la protesta della tifoseria contro la società, l’allenatore e i giocatori. Il più colpito è ancora il presidente Pallotta. La Roma in campo è simile a quella schierata nella ripresa a Firenze e crollata dopo la gaffe di Cristante e l’espulsione di Dzeko. Anche il sistema di gioco è identico, quel 4-1-4-1 che, con il rientro di De Rossi da play, da maggior equilibrio all’assetto. Vulnerabile, a contare i 12 gol presi nelle ultime 3 partite prima di incrociare Piatek che si è fatto subito riconoscere sfruttando gli errori di Pellegrini, Fazio e Olsen. La Roma nel secondo tempo ritrova subito il coraggio e anche la spensieratezza grazie al gol di Zaniolo. I giovani, guidati da De Rossi, tentano il ribaltone ma alla fine termina in pareggio lo scontro diretto per la Champions.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa