Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Meeting UEFA, Rosetti: “Convinti che il VAR sarà elemento salutare”

Presente anche Di Francesco

L’allenatore giallorosso Eusebio Di Francesco ha partecipato ieri a Francoforte all’incontro organizzato dall’UEFA per spiegare ai rappresentanti dei 16 club ancora in corsa in Champions League il funzionamento del VAR (Video Assistant Referee) che verrà utilizzato proprio a partire dagli ottavi di finale di martedì prossimo. Nel corso dell’evento il Capo Arbitrale dell’UEFA, Roberto Rosetti, ha spiegato il funzionamento del sistema, in base a cui la squadra arbitrale addetta al VAR – assistente al video dell’arbitro e vice assistente al video dell’arbitro e due video operatori – sarà presente in una stanza dentro ogni stadio per supportare l’arbitro e aiutarlo a prendere le decisioni giuste. Rosetti ha spiegato che la squadra VAR controllerà costantemente errori chiari ed evidenti legati alle quattro seguenti decisive situazioni di gioco: gol, rigori, cartellini rossi diretti e scambi di persona. “È fondamentale che tutti capiscano quando il VAR può intervenire e quando invece no” ha spiegato Rosetti. “Ci sono state discussioni proficue nel corso della giornata e il feedback che abbiamo ricevuto è stato davvero positivo. Siamo convinti che il VAR sarà salutare poiché fornirà agli arbitri un importante aiuto permettendo loro di ridurre le decisioni chiaramente sbagliate, il che è positivo per i club, i giocatori, gli allenatori, i tifosi, gli arbitri e la competizione intera”. Oltre che nella Champions League, il VAR verrà usato nella finale di Europa League di Baku di quest’anno, nelle Finals di Nations League di giugno in Portogallo, nei Campionati Europei Under 21 che si giocheranno in Italia nello stesso mese e nella Supercoppa Europea 2019. L’UEFA prevede inoltre di estendere l’uso del VAR nella fase finale di UEFA EURO 2020 e, a partire dal 2020-21, anche alla fase a gironi di UEFA Europa League. Si legge su asroma.com.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News