Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Flamengo, le vittime del rogo erano ragazzi del settore giovanile tra i 10 e i 14 anni

A causare l’incendio potrebbe essere stato un guasto nell’impianto dell’aria condizionata. Pelè: “E’ un giorno molto triste per il calcio brasiliano”

Arrivano ulteriori notizie in merito al rogo nel centro sportivo Urubu’s Nest del Flamengo, nella zona ovest di Rio de Janeiro. L’incendio è costato la vita a 10 ragazzi del settore giovanile del club brasiliano, tra i 10 e i 14 anni. Secondo quanto riportato da Douglas Henaut, portavoce dei pompieri locali, a causare il guasto potrebbe essere stato un guasto nell’impianto dell’aria condizionata. A confermare la notizia anche alcune autorità locali, tra cui il vice governatore di Rio Caio Castro: “Difficile dirlo, ma in linea di massima sarebbe stato un apparecchio dell’aria condizionata. Individuare le cause per cui l’apparecchio ha preso fuoco è la domanda alle quale si dovrà rispondere adesso”. Le vittime dell’incendio sono morte carbonizzate, spiega Henaut: “Siamo riusciti a lavorare e a prestare soccorso ai feriti all’esterno, perché il locale era avvolto dalle fiamme. Quando siamo entrati abbiamo trovato i corpi ormai già carbonizzati”. Nella tragedia immane che ha colpito il club, se ne è sventata una ancor più grande: l’allenamento di oggi era infatti saltato, e molti ragazzi che vivono a Rio avevano fatto ritorno alle loro case; solo i ragazzi stranieri erano rimasti all’interno della struttura. Il vicepresidente brasiliano Hamilton Mourao ha espresso su Twitter il proprio dolore per la tragedia:”Come tifoso e sportivo, sono solidale con le famiglie, il club e il popolo rosso-nero”.

Tre giorni di lutto – Intanto il Governo dello Stato di Rio ha decretato un lutto di tre giorni per commemorare le vittime della tragedia. Il governatore dello Stato, Wilson Witzel, ha dichiarato all’agenzia di stampa Agencia Brasil: “Voglio esprimere il mio più profondo dolore per questa tragedia e offrire solidarietà alle famiglie delle vittime”. Il Flamengo, tramite il sito ufficiale, ha stilato un comunicato per piangere le giovani vittime rossonere: “E’ la più grande tragedia che abbia mai colpito il club in 123 di storia”. QUI IL COMUNICATO SUL SITO DEL FLAMENGO

Tutto il calcio vicino alle famiglie delle vittime – Tutto il mondo del calcio piange le giovani vittime del rogo di Rio: da Pelè a Ronaldinho, da Neymar a Cristiano Ronaldo, tutte le stelle del calcio mondiale hanno voluto onorare la memoria delle giovani vittime. Anche i club, Roma inclusa, hanno lasciato sui social un messaggio di cordoglio e di vicinanza alle famiglie dei ragazzi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Meus sentimentos ???

Un post condiviso da EneJota ?? ? neymarjr (@neymarjr) in data:

Il club carioca ha voluto ringraziare tutti club che in queste ore hanno voluto omaggiare le vittime.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News