Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Leggo, “Pasta di capitano. De Rossi: «Roma fidati ancora di me»”

Le parole del numero 16 giallorosso nella conferenza stampa di ieri. Schick out per lesione ai flessori della coscia sinistra

De Rossi suona la carica per condurre la nave in Porto e vendicare l’eliminazione di tre anni fa: «Dovremo fare tesoro di quando accaduto lo scorso anno, ma senza pensarci troppo perché questo è un altro torneo. In certe gare l’esperienza è un valore aggiunto, ma anche il Porto è abituato a giocare partite così. Abbiamo avuto momenti negativi, ma non direi che siamo stati sull’orlo del baratro. Io mi ci sentivo quando eravamo quart’ultimi». Il capitano giallorosso prova pure a riportare il sereno sul fronte Kolarov: «Sarei felicissimo se si dovesse ricomporre questa piccola frattura fra lui e parte della tifoseria. Mi trovo un po’ nel mezzo: voglio bene ai tifosi e Alex è come un fratello. Dico ai romanisti di fidarsi di me: Kolarov è un professionista serio che tiene alla Roma e io lo preferisco a chi bacia la maglia e poi si ferma al primo doloretto o si rifiuta di giocare in un altro ruolo. Ma il tifoso va rispettato quando c’è sofferenza». La brutta notizia arriva da Schick: lesione ai flessori della coscia sinistra. L’obiettivo è tornare nel derby del 2 marzo. Si tratta del 30° infortunio muscolare.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa