Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Leggo, “Tutti pazzi per Zaniolo, c’è chi vuole dargli anche la 10”

“La speranza è veder crescere un altro campione a Trigoria”

Si è preso la Roma, e forse anche qualcosa in più visto che ieri lo hanno celebrato pure i media internazionali. Nicolò Zaniolo è quell’emozione che i tifosi giallorossi cercavano dopo l’addio di Totti, è la speranza di veder crescere un altro campione a Trigoria. La doppietta al Porto e quelle due corse sotto la Sud hanno accelerato il processo di idolatria di una piazza divisa sull’idea di consegnargli già il prossimo anno la sacra maglia numero 10. Il più tranquillo in questa bella storia di calcio è proprio Nicolò che in 7 mesi ha dovuto ribaltare anche il suo modo di vivere Roma. Zaniolo abita con la mamma nel quartiere Torrino. Papà Igor invece è rimasto a La Spezia con la sorellina Benedetta che deve finire il liceo linguistico. Un legame forte quello con la famiglia dimostrato dal tatuaggio sul polso che riporta l’anno di nascita di mamma, papà e sorella oltre alla scritta “family”. Come riporta Leggo, all’Eur Nicolò ha conosciuto pure l’amore che risponde al nome di Sara Scaperrotta, 20 anni studentessa di Scienze della moda e del costume alla Sapienza. I primi tempi Zaniolo la accompagnava all’Università, coi mezzi visto che non ha ancora la patente. I due si sono conosciuti qualche mese fa tramite amici in comune, quelli della Primavera che Zaniolo ha conosciuto da avversario e nelle nazionali giovanili. Il salto in primo squadra, però, non gli ha fatto montare la testa. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa