Resta in contatto

Rassegna Stampa

Leggo, Roma, Champions decisiva: se va male stavolta si cambia

Di Francesco si gioca la panchina giallorossa contro il Porto. Sousa o Panucci possibili sostituti

Il derby di sabato sera, straperso dalla Roma, potrebbe aver segnato definitivamente il destino di Di Francesco. La fiducia della squadra e della società nei confronti del tecnico è ormai ai minimi termini. Qualche minuto dopo il 90’ negli spogliatoi dell’Olimpico è andato in scena un lungo incontro terminato intorno all’una di notte e a cui hanno preso parte il vice presidente Baldissoni, l’ad Fienga, il ds Monchi, Massara, Balzaretti, Totti oltre a Pallotta, ovviamente tramite Skype. «Non è una bella serata», si è limitato a dire Baldissoni molto scuro in volto all’uscita dallo stadio.

Oltre due ore di vertice per capire come salvare una stagione ormai rovinata. La decisione è quella di confermare per l’ultima volta la fiducia a Di Francesco, fino a mercoledì. A Porto, nel ritorno degli ottavi di Champions, Eusebio si gioca la panchina giallorossa. Serve una scossa, di breve durata perché a giugno la Roma vorrebbe provare a portare uno tra Sarri e Gasperini sulla panchina.

Insomma serve un traghettatore, e la scelta è ricaduta sul ct dell’Albania Cristian Panucci che conosce bene l’ambiente e si accontenterebbe di una breve avventura in Serie A. Restano tiepide anche le piste che portano a Sousa e Donadoni. L’impegno con la nazionale albanese di Panucci non rappresenta un problema, il contratto scadrà a novembre e un gentlemen agreement permetterebbe alle parti di lasciarsi senza rancori. Di Francesco mercoledì proverà quindi ad allungare di qualche settimana una storia ormai al capolinea.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa