Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il Messaggero, Ranieri, c’è chi suona la campana

Le parole del tecnico giallorosso in conferenza stampa

Arare il campo»; «i giocatori devono dare tutto, fino a morire»: «pronti a lottare, a non mollare mai»; «nei momenti di difficoltà, bisogna dare ancor di più»; «se hai il pubblico romano alle spalle che ti soffia dietro, tutto può accadere. Da romanista chiedo l’aiuto a me stesso, visto che sono un tifoso». Claudio Ranieri in versione vintage, sfodera antichi luoghi comuni, che sono sempre pieni di verità.

Il tecnico romano cerca punti e sorrisi. O meglio, sorrisi e punti. Perché quella che ha ereditato un gruppo intristito dai risultati: «Voglio una squadra sorridente, che lotti e che non si arrenda. Chi ha problemi resti a casa. I giocatori non sono bambini, ma uomini e devono dare il meglio, che sia io o un altro. Scuse non ce ne devono essere più. Si va in campo, la palla la conoscono, il calcio pure. Se sono alla Roma e guadagnano quello che guadagnano è perché lo meritano e devono farlo vedere. Altre cose non mi interessano». E’ successo ai più grandi».

Da romano e romanista, lo ripete tante volte Ranieri, è inevitabile soffermarsi un minuto su Florenzi. E il discorso non investe solo l’aspetto tattico ma soprattutto quello psicologico. Alessandro è a pezzi dopo Oporto, si è sentito (o lo hanno fatto sentire) responsabile dell’eliminazione dalla Champios. Va recuperato. «Deve tirare fuori la romanità giusta, stare petto in fuori. Non c’è niente di male a sbagliare e ammettere l’errore. Poi c’è un’altra palla da giocare, un’altra partita da giocare. Mi aspetto tanto da lui. Zaniolo è un centrale? Deve giocare in mezzo, ma se ho tre Zaniolo devo vedere chi può giocare “aperto”».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa