Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Stadio della Roma

Stadio della Roma, nessuna firma di De Vito sugli atti del progetto. PM Ielo: “Iter non a rischio”

L’arresto dell’ormai ex presidente dell’assemblea capitolina non andrebbe ad inficiare l’iter per la costruzione del nuovo stadio della Roma

Dalle prime informazioni che filtrano dalla Procura, non ci sarebbe alcuna firma di Marcello De Vito sugli atti che riguardano il progetto della Roma, che assume dunque un ruolo marginale nell’inchiesta. L’Iter non sarebbe dunque a rischio. La conferma arriva da Ielo (procura della Repubblica): “Non c’è alcun impedimento che parte dalla procura nell’iter del progetto stadio della Roma. L’iter al momento non risulta alterato, ma è una cosa che ora non ci interessa e di cui non ci occupiamo. Per ora non ci sono atti amministrativi relativi allo stadio per cui si ravvisano alterazioni. La AS Roma non è coinvolta nell’inchiesta; De Vito è stato arrestato perché da presidente dell’Assemblea Capitolina si è messo a disposizione di Mezzacapo, che faceva capo al gruppo Parnasi, ma al momento non ci sono atti amministrativi che riportano anomalie. Il semplice fatto che si sia messo a disposizione ha fatto scattare l’arresto. Il vizio potrebbe riguardare l’interesse pubblico, che potrebbe essere stato valutato in maniera non imparziale. La Procura non chiederà di bloccare l’iter, ma potrebbero essere altre sedi a farlo”. Il presidente dell’Assemblea del Campidoglio è stato arrestato questa mattina con l’accusa di corruzione. Il MoVimento 5 Stelle, che ha immediatamente fatto fuori De Vito, ha già pronto il sostituto. Si tratta del consigliere Enrico Stefàno.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Stadio della Roma