Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Gazzetta dello Sport, Attacco giallorosso: da Schick a Under, tutti sotto esame

Partiamo da Dzeko e Schick

In caso di mancata qualificazione in Champions League, la Roma avrà la necessità di abbassare il monte ingaggi e quindi, visto che Dzeko pesa per circa 9 milioni lordi, è uno dei primi candidati all’addio, tanto più che, nonostante i 33 anni appena compiuti, l’Inter è pronta a fargli ponti d’oro. Altra storia per Schick, investimento oneroso (42 milioni) finora inespresso.

Allora, per sostituire il bosniaco, sarebbe meglio un titolare, come Belotti, oppure dare fiducia al ceco? Se passasse la prima ipotesi, forse Schick chiederà la cessione, perché tre stagioni da riserva sarebbero troppe. Le ali hanno altri problemi. Al netto della lite, El Shaarawy convincerebbe, ma ha il contratto in scadenza nel 2020 e in estate dovrà essere per forza ridiscusso, pena divorzio. Perotti paga i troppi infortuni che stanno costellando la carriera e quindi, se trovasse sistemazione, sarebbe accontentato. Il numero 8 giallorosso piace in Argentina.

Chi ha davvero mercato sono Under, che si è ripreso dopo il lungo infortunio, e Kluivert, nonostante sia parso ancora immaturo. Anche qui: col turco è facile fare cassa, visti gli interessi del Bayern Monaco, mentre l’olandese deve essere ancora valutato bene. Occhio però, perché non sappiamo se Kluivert gradirebbe ancora una stagione da sostituto, se pensa al fatto che i suoi ex compagni dell’Ajax sono diventati la sorpresa della Champions.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa