Resta in contatto

Prima Squadra

Inter-Roma, El Shaarawy: “E’ un punto importante, subire pochi gol è un ottimo segnale”

“Contento di essere arrivato in doppia cifra”

Stephan El Shaarawy, attaccante della Roma, al termine della gara contro l’Inter ha rilasciato alcune dichiarazioni. Queste le sue parole:

EL SHAARAWY A ROMA TV

Finalmente la doppia cifra… 
Personalmente è una soddisfazione grande, era un obiettivo che avevo, averlo centrato è motivo di soddisfazione e sono contento. Contento anche in parte della prestazione della squadra dal punto di vista difensivo, subire un gol in tre partite è un passo in avanti. Potevamo fare meglio sul gioco, ma ci portiamo il punto a casa.

E’ un punto pesante o c’è rammarico? 

Rammarico no, è un punto importante, perché i risultati sono stati dalla nostra parte. Siamo entrati con la voglia di portare a casa il risultato, anche le partite precedenti erano state positive. Subire pochi gol è un ottimo segnale.

Devi portarci in Champions… 
E’ il nostro obiettivo e anche il mio, è un traguardo da raggiungere. Dobbiamo lottare fino alla fine come abbiamo fatto in queste partite, ora è ancora tutto aperto. Contro squadre come l’Inter se ti difendi troppo prima o poi il gol lo fanno, quindi dobbiamo avere più capacità di giocare il pallone.

L’atteggiamento del secondo tempo è una scelta? 
Penso sia stato anche merito dell’Inter, mettendoci un po’ sotto. Giocare la palla e far salire la squadra era più difficile, buttavamo queste palle su Edin che fa sempre un gran lavoro ma dovevamo anche aiutarlo di più.

Hai visto gli episodi dubbi da rigore? 
C’è il Var che cerca di aiutare gli arbitri, ha valutato così. Su Kolarov credo ci sia stata una leggera spinta, l’avranno controllata e così hanno deciso. Sono episodi relativi, ci portiamo a casa il punto.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra