Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “C’è la Roma sotto assedio”

La pazienza è finita. All’improvviso. Proprio come la carriera di De Rossi in giallorosso

Così i tifosi della Roma alzano la voce. E, visto che oltreoceano proprio non c’è alcuna voglia di ascoltarli, mettono anche per iscritto la loro rabbia. Sono quasi 150 i ragazzi che, subito dopo pranzo, si presentano sul piazzale Dino Viola. Fumogeni e cori. Ce l’hanno, anche perché la conferenza stampa verità di martedì è stata inequivocabile, con Pallotta e Baldini. Alzano lo striscione, avanzando verso il cancello del centro sportivo Fulvio Bernardini. Il testo è esplicito: AS Azienda, oggi chiariamo questa faccenda! Si fermano e ne tirano fuori un altro: Noi l’A.S.Roma, voi azienda…funebre. Nell’ultimo c’è la loro richiesta: Fatelo firmà. Pretendono il rinnovo del capitano. Ecco che, sotto la pioggia, si avvicinano al cancello Massara, Ranieri e De Rossi. Vanno benissimo a chi ormai sta da più di mezz’ora sotto l’acqua e al freddo. Ma il trio ha la scadenza in bella mostra e simboleggia la Roma sparita di questi giorni. Il ds lascerà a fine stagione il posto al collega Petrachi, l’allenatore guiderà la squadra solo per altre due partite e il capitano giocherà per l’ultima volta in giallorosso il 26 maggio. Gli interlocutori, dunque, sono tre ex. nel racconto dettagliato dei tifosi, i colpevoli diventano «Testa grigia» e «il fenomeno che sta Boston». Rispettivamente, dunque, Baldini e Pallotta. «Devi restare» chiedono all’allenatore. Che scuote la testa: «Dove? Con chi?» «Con De Rossi», la replica dei contestatori. Daniele frena. «Anche se mi richiamassero adesso non accetterei». Domanda d’obbligo sul ruolo di Totti. Silenzio totale.

Lascia un commento

Lascia un commento

avatar
  Subscribe  
Notificami
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Altro da Rassegna Stampa