Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

GaSport, “Arrivederci capitano. Cori, scritte, pianti. Roma saluta il suo eroe”

“Siamo tutti DDR”

In tutto c’è stata bellezza. Anche in quelle braccia alzate al cielo sotto a un cielo nero di pioggia che fa pensare a delle lacrime per un addio. Daniele De Rossi bacia la maglia per un arrivederci che vorrebbe fosse infinito. C’è chi lo ha descritto come un incrocio tra santità e talento. Ma adesso la ragione deve tacere, tocca solo alle labbra aprirsi e cantare “Daniele De Rossi eee ooo”. 

Un coro che diventa ruggito quando il capitano scende in campo per il riscaldamento. Sono le 19.56, lo striscione in Curva Sud recita: “Nei giorni belli e in quelli tristi sei stato la bandiera dei veri romanisti”. Poi anche un“Ci hai rappresentato in campo per 18 anni. Da oggi la tua curva rappresenterà te per sempre. Siamo tutti DDR”. Lo riporta La Gazzetta dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa