Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Roma-Parma, Dezi: “Un onore giocare l’ultima partita di De Rossi”

Il centrocampista del Parma: “Lascia la Roma uno dei pilastri dei giallorossi. Vedere uno stadio così pieno è bellissimo”

Al termine del match, durante il post-gara, il centrocampista ducale Jacopo Dezi si è fermato nella mixed zone dell’impianto sportivo romano per rispondere alle domande dei giornalisti presenti. Queste le sue parole:

DEZI IN MIXED ZONE

“Sono soddisfatto, è il coronamento di un sogno: ho lavorato tanto per esordire in A. Stasera ci tenevamo a fare una bella prestazione per chiudere al meglio una grande stagione: abbiamo meritato questa salvezza. Con la Roma non abbiamo ottenuto un risultato positivo, ma siamo contenti della prestazione”.

Come hai fatto a farti trovare pronto? Non sei apparso in difficoltà a livello fisico.
“Io mi sono sempre allenato al massimo, ho cercato di aiutare la squadra anche se non ho mai avuto un’occasione. Mi sono fatto trovar pronto al momento giusto”.

A un certo punto hai giocato da centrale.
“Sì, io do il 100% ovunque il mister mi dice di giocare”.

Che sensazioni ti ha dato l’addio di De Rossi?
“E’ stata una serata emozionante, lascia la Roma uno dei pilastri dei giallorossi. Vedere uno stadio così pieno è bellissimo, per noi è stato un onore giocare nell’ultima partita di questo grande campione”.

A livello personale che bilancio trai?
“Purtroppo ho fatto solo questa partita quest’anno. Penso subito all’anno prossimo”.

Dopo questa partita ti senti di dire che ci puoi stare in A?
“Questo non spetta a me dirlo, io so solo che posso dare il mio contributo. Do sempre il massimo, vedremo quello che succederà”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra