Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Tempo, “Roma, ora si fa sul serio”

Dopo le plusvalenze, si pensa agli acquisti: Bartra o Mancini in difesa, Barella a centrocampo e Higuain in attacco

Grazie alle cessioni di cinque giocatori Petrachi ha racimolato oltre 50 milioni di plusvalenze ed ha portato a termine il primo compito della sua gestione. Ora si dovrà mettere all’opera e costruire la squadra da mettere a disposizione di Fonseca, senza tralasciare la questione rinnovi. La priorità è quella di trovare un sostituto di Manolas, atteso nei prossimi giorni a Villa Stuart per le visite mediche col Napoli, e il giocatore che più piace al portoghese è Bartra, mentre la dirigenza punterebbe più su Mancini dell’Atalanta. L’ex Barcellona costa 20-25 milioni e si sta lavorando su una base di un prestito con obbligo di riscatto, formula simile a quella che si proverà ad imbastire coi bergamaschi. L’altro grande obiettivo è Barella che è pressato dall’amico Lorenzo Pellegrini. Ha dato la parola all’Inter, ma aspetta un rilancio da parte dei nerazzurri col Cagliari ingolosito dall’offerta di 30 milioni, più 5 di bonus e il cartellino di Defrel da parte della Roma. Petrachi e Fonseca, poi, concordano che Higuain possa essere un colpo ideale dal punto di vista tecnico e ambientale, difficilmente però sarà sostenibile un trasferimento ai costi attuali. In settimana, inoltre, inizieranno le manovre per i rinnovi di contratto: fissato l’incontro per Zaniolo, poi sarà il turno di El Shaarawy e Under. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa