Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il Messaggero, “Roma, c’è fila agli arrivi. Petrachi attende il “miracolo” Barella, incontra la Viola per Veretout e l’Atalanta per Mancini”

Il no di Barella riapre la pista Veretout. Anche qui la Roma ha presentato l’offerta migliore al giocatore, 2,7 milioni di euro più uno di bonus al raggiungimento della Champions, rispetto al Napoli e al Milan che nelle ultime ore ha rilanciato. Maldini e Massara hanno incontrato Pradè e Joe Barone, il braccio destro di Commisso.

La Fiorentina chiede 25 milioni mentre i rossoneri, oltre al conguaglio economico, offrono uno tra Laxalt, Borini e Biglia. La Roma intende approfittare di questo momento ed oggi si capirà di più con la dirigenza toscana attesa a Trigoria. Vista l’offerta al Cagliari per Barella la disponibilità economica ai capitolini non manca di certo, bisogna capire cosa vorrà fare il calciatore.

Intanto Petrachi accelera per Pau Lopez e la differenza tra offerta, 20 milioni, e richiesta, 25, sta per essere limata. Col Betis, inoltre, c’è in ballo anche Bartra. Per il portiere si spinge per far entrare nella trattativa il 50% sulla rivendita di Sanabria. L’Atalanta vuole cedere Mancini e il ds giallorosso lo sa e non ha fretta. Gioca al ribasso offrendo 18 milioni di euro contro i 25 che vorrebbe la dirigenza bergamasca, ma la priorità rimane sempre Lyanco. In stand-by la cessione di Gerson alla Dinamo Mosca e di mezzo c’è ancora il papà Marcao. Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa