Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Leggo, “Tutta un’altra Roma. Cessioni eccellenti e nuovi arrivi: via alla stagione della rivoluzione”

Quella che vedremo a fine agosto sarà tutta un’altra Roma

La rivoluzione, preannunciata da Totti, è totale. Quella che vedremo a fine agosto, infatti, sarà tutta un’altra Roma. Dopo Manolas e Luca Pellegrini, è partito pure El Shaarawy volato ieri in Cina dove giocherà con lo Shanghai per il modico stipendio di16 milioni a stagione. Alla Roma ne andranno circa 20 tra parte fissa e bonus variabili.

Presto agli imbarchi di Fiumicino potrebbe presentarsi, oltre a Dzeko, presto pure Zaniolo. Petrachi nutre dei dubbi sui comportamenti del ragazzo che nel frattempo non ha mai smesso di flirtare con la Juventus. Da Torino è pronta l’offerta:20 milioni più Higuain. Alla Roma andrebbe bene, ma bisogna convincere il Pipita ad accettare la spalmatura dell’ingaggio: da 8 milioni in 2 anni a 5 in quattro. Magari proprio con l’aiuto della Juve. Ieri un piccolo avvicinamento c’è stato.

Ma il fuori tutto di Trigoria non è finito. In vetrina ci sono ancora almeno tre giocatori: Florenzi, Nzonzi e Perotti. Passiamo ora al gate degli arrivi. Dopo Diawara e Spinazzola oggi è il turno di Pau Lopez che sbarca a Fiumicino alle 11.30. Costo: 24 milioni più la percentuale al 50% della rivendita di Sanabria. Ora il difensore centrale. La pista Mancini resta calda, ma al suo fianco serve un giocatore d’esperienza: il preferito è Alderweireld del Tottenham, in seconda fila proprio Nkoulou. C’è poi c’è da trovare il sostituto di El Shaarawy. Fonseca lo ha individuato in Taison dello Shakhtar che sta per battere la concorrenza dello svincolato Brahimi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa