Resta in contatto

Prima Squadra

Spinazzola: “Io, Pellegrini e Florenzi saremo lo zoccolo duro del gruppo”

Le parole del neo acquisto della Roma

Leonardo Spinazzola, neo calciatore della Roma, ha rilasciato un’intervista a Roma TV ripercorrendo i numeri della sua carriera:

La maglia numero 37.
“Dall’Atalanta che ho il 37 perché non erano disponibili il 7 e il 17 e quindi mi è andata bene e mi ha portato fortuna”.

60 giorni dopo.
“Non serve quella partita per ricordarsi quanto il tifo giallorosso sia importante per questa squadra perché già con l’Atalanta vedere tutte quelle bandiere prima della partita è emozionante”.

6 azzurri.
“Conosco Pellegrini e Florenzi con cui condivido la Nazionale ormai da due anni. Conosco il valore dei giocatori e delle persone, li ho visti in allenamento. Con Pellegrini sono andato in vacanza insieme quindi siamo molto legati. Questo sarà lo zoccolo duro del gruppo”.

12 presenze nella stagione 2018/19.
“Sono molto felice della stagione passata l’anno scorso con la Juventus perché sono andato oltre le mie aspettative. Il primo anno in bianconero ho subito il diverso spessore della squadra, la pressione di vincere sempre, un’altra mentalità ed è stato tutto difficile. In più ho avuto l’infortunio e per me è stata tutta una rincorsa su tutto. Sono migliorato tanto”.

26 anni.
“Stavo crescendo e mi ha fermato questo infortunio, però mi ha fatto crescere molto nella mentalità. Poi stando alla Juventus ho visto la mentalità vincente, i giocatori sono campioni fuori e dentro al campo e quindi penso che sono nell’età giusta per dare il mio meglio”.

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra