Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca docet: psicologia, dialettica e tanto lavoro. La Roma è già tua

Il tecnico portoghese ha già conquistato tutti. Le parole di Under

Il suo sbarco a Roma è arrivato dopo il terremoto prodotto dall’addio di Francesco Totti in giallorosso e condizioni peggiori per iniziare una nuova avventura probabilmente non ne esistevano. Paulo Fonseca, invece, non ci ha pensato un attimo, si è tuffato immediatamente nel lavoro e ha iniziato a costruire la sua Roma. Con poche parole e tantissimo campo. Oltre 40 giorni dopo a Trigoria (e non solo) sono tutti con lui, il che vuol dire che quanto fatto finora è stato giusto, corretto.

Tra i meriti di Fonseca c’è quello di aver lavorato anche personalmente sui nuovi acquisti, chiamandoli quasi tutti (è successo con i vari Pau Lopez, Diawara, Mancini e Spinazzola) per spiegargli il suo calcio e quanto lui credesse in loro. È l’aspetto psicologico del suo lavoro, che poi ha trovato terreno fertile anche nell’andare a convincere Dzeko nel restare in giallorosso e concedere una chance a Pastore. “Giochiamo in modo diverso al passato, costruendo il gioco da dietro – ha detto ieri Under – Fonseca ama molto un gioco basato sui passaggi, vuole che noi esterni d’attacco si giochi più dentro il campo. Questo è il grande cambiamento, ci dobbiamo accentrare per aiutarci a vicenda”.

Fonseca ha voluto un programma di avvicinamento al campionato che andasse dal morbido al duro, dalle squadra di basso livello a quelle di alto profilo. Questo perché sapeva bene che l’ambiente giallorosso era sostanzialmente depresso per l’andamento dell’ultima stagione e per l’addio all’altra grande bandiera romanista, Daniele De Rossi. È ovvio, però, che la prova del nove arriverà domenica, quando la Roma inizierà il suo viaggio ufficiale. Lì servono i tre punti, anche per continuare a lavorare in un certo modo, serenamente. Lo scrive oggi La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa