Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Sale la febbre da stadio. Inter boom delle tessere

La Roma al momento è ferma a 18.403 abbonati. Un dato giustificato dal fallimento della scorsa stagione

C’è un’Italia calcistica che ama ancora andare allo stadio nonostante gli impianti di vecchia generazione e i costi (a volte) eccessivi di abbonamenti e biglietti rispetto allo spettacolo offerto. A farla da padrone quest’anno è l’Inter che grazie ad Antonio Conte e al sogno scudetto ha totalizzato 40.000 tessere staccate La Juventus di Sarri si attesta a quota 27.700.

Non se la passa bene la Roma che al momento è ferma a 18.403 abbonati (9.000 quelli per l’Europa League), un dato giustificato dal fallimento della scorsa stagione, dall’addio di Totti e De Rossi e il mercato senza fuochi d’artificio. Lo scorso anno i giallorossi chiusero a 23.854.

Numeri confermati rispetto alla scorsa stagione in casa Lazio che si attesta sulle 18.000 tessere. De Laurentiis si interroga invece sul perché il dato degli abbonati sia fermo a 9.000, anche perché i prezzi risultano competitivi. Tra le motivazioni ci sono una campagna abbonamenti aperta in netto ritardo (fine luglio) e il mercato che non ha infiammato i cuor dei tifosi che aspettano il grande colpo in attacco.

Scala la classifica il Lecce con 17.892. A Brescia l’effetto Balotelli ha fatto riaprire la campagna al club che ha messo a disposizione altre 1000 tessere, mentre a Firenze il nuovo corso Commisso ispira fiducia alla piazza (20.191). Gli abbonati al nuovo Gewiss Stadium dell’Atalanta sono 8.602, ma è appena cominciata la seconda fase di vendita. Lo scrive oggi Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa