Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dzeko mira in alto: la Roma lo esalta e lui può scalare la storia dei bomber

Edin Dzeko è pronto a trascinare la Roma a suon di gol

Anche ieri Fonseca è stato chiaro: “Il rinnovo di Dzeko era un mio desiderio, ma penso abbia fatto felice un po’ tutti. Io però ci ho sempre creduto, fin dal primo momento in cui ho messo piede qui a Roma“. E la sua Roma che oggi parte ufficialmente in campionato contro il Genoa si poggerà molto proprio sul centravanti bosniaco. Perché ha bisogno dei suoi gol, delle sue giocate e della sua leadership. Senza Daniele De Rossi è proprio Dzeko l’uomo di maggiore peso, carisma, personalità. E la Roma di Fonseca riparte proprio da lui.

Dzeko è alla quinta stagione in giallorosso e finora ha segnato ben 87 reti. Nella classifica dei marcatori giallorossi di sempre è al settimo posto, al fianco di Abel Balbo, un altro che ha lasciato il segno eccome. Se però tanto dà tanto e se le premesse stagionali saranno confermate, allora Edin potrebbe arrivare addirittura a ridosso del podio. Già, perché davanti a lui c’è Montella a 102, Manfredini a 104 e Volk a 106. Insomma, tutta gente che nell’arco di una stagione può essere agguantata, considerando poi anche che la Roma di Fonseca giocherà un calcio molto offensivo.

In questa speciale rincorsa Dzeko ripartirà dal Genoa, una delle squadre a cui ha segnato di meno in Italia. Esattamente un solo gol in 7 sfide personali, anche se un gol pesante, perché è stato uno dei tre con cui la Roma superò il Genoa per 3-2 all’ultima partita del 2016-17, acciuffando in extremis la qualificazione in Champions.

Nei giorni scorsi alla Roma è stato offerto Christian Stuani, 33 anni, attaccante uruguaiano del Girona, con cui ha un contratto fino al 2022. Stuani può giocare sull’intero fronte d’attacco, anche se oggi è più centravanti che non attaccante esterno. In Spagna nelle ultime due stagioni ha segnato 41 gol in 67 partite. La Roma ci penserà su, la prossima settimana sarà decisiva anche in tal senso. Lo riporta “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa