Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca l’ingordo: “Vincere non basta. La mia squadra deve dominare”

Il tecnico portoghese in conferenza stampa: “Il migliore modo di difendersi è pressare”

Stasera per Paulo Fonseca sarà tutto diverso. Perché sarà la sua prima ufficiale sulla panchina della Roma e anche se ieri ha provato a nasconderla in tutti i modi, un po’ di emozione inevitabilmente ci sarà. «Sono fiducioso e motivato, con i nostri tifosi lì alle spalle è lo scenario ideale per iniziare la stagione. So che le aspettative sono alte, gli allenatori vivono sempre di risultati e ovviamente anche io dovrò portarli. Sono sicuro che questa squadra lotterà sempre fino all’ultimo minuto contro ogni avversario e questo renderà orgogliosi i nostri tifosi. E se ci riuscirà, anche i risultati saranno una conseguenza».

E allora Fonseca vuole partire con una vittoria, anche perché finora i suoi esordi sono andati a corrente alternata. Con il Deportivo Aves, nel 2011, perse in casa del Madeira per 3-2 e fu la prima «vera» di campionato della sua carriera. Poi con Pacos de Ferreira, Porto, Braga e Shakthar Donetsk sono arrivate altre 5 vittorie, un pareggio e una sconfitta. Quello su cui Fonseca non transige però è la filosofia. In carriera ha giocato sempre un calcio offensivo, d’attacco. E vuole farlo anche qui in Italia, nonostante il nostro campionato nasconda insidie tattiche un po’ ovunque.

Ad iniziare proprio dal Genoa: «Una squadra forte, che sa giocare molto bene con le ripartenze. Ma sono certo che il gruppo darà subito una risposta positiva. Ho sempre detto che vincere non basta, voglio che la mia squadra sia dominante, abbia il possesso della palla, giochi nella metà campo avversaria. E su questo non cambio, dobbiamo giocare vicino alla porta avversaria. Magari ci riusciremo di meno quando gli avversari ci costringeranno a difenderci, anche se poi sono dell’idea che il modo migliore di difendersi è giocare alto e pressare». Lo riporta “La Gazzetta dello Sport”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa