Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Rugani, da domani si ricomincia. In attacco Roma appesa…a Schick

La pista Rugani non è tramontata. In attacco tutto passa per Schick

Il difensore e l’attaccante. La Roma non è ancora al completo e prepara gli ultimi colpi di mercato. Nel primo caso anche ieri Fonseca ha ribadito la necessità di acquistare un centrale di qualità, mentre per l’attacco soltanto se partirà Patrik Schick si farà un nuovo innesto. Possibile però che si possa pensare anche ad un esterno offensivo vista la partenza di Defrel e l’infortunio di Perotti, ma il jolly Florenzi fa stare un po’ tranquilli.

L’ideale sarebbe quindi trovare un attaccante poliedrico, capace di giocare in più ruoli: ad esempio Mariano Diaz del Real Madrid, ma è molto difficile da raggiungere. Da sottolineare che in realtà con l’Atletico Madrid sarebbe già tutto pronto per il trasferimento in prestito con diritto di riscatto di Nikola Kalinic. La Roma però prende tempo per valutare anche altri profili.

Domani il ds Petrachi sentirà Paratici per riparlare di Daniele Rugani, escluso dalla Juventus per la trasferta di Parma. La Roma non ha intenzione di svenarsi. Alessio Riccardi potrebbe essere inserito nell’affare ma deve essere valutato 10 milioni di euro. In ballo c’è il futuro di tre giovani meno conosciuti che potrebbero facilitare lo scambio: Celar, D’Orazio ed il difensore bianconero Paolo Gozzi. Ma da quanto trapela non c’è molto ottimismo.

Così i giallorossi si stanno guardando intorno per cercare delle alternative: piace Mustafi, l’Arsenal però dovrebbe accettare di cederlo in prestito con diritto di riscatto. Sembra complicato riaprire la pista Lovren, anche qui il Liverpool non fa sconti. I difensori del Torino sono tutti pupilli di Petrachi da Izzo a Nkoulou fino a Lyanco, ma le richieste di Cairo sono elevate: tutti e tre sono valutati 30 milioni di euro. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa