Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma è senza difesa

In grande difficoltà i centrali della Roma

Dopo 26 anni la Roma deve fare a meno contemporaneamente di Totti e De Rossi. Finisce un’era, ma non ne ricomincia un’altra. La difesa non tiene e, negli interpreti, è peggiore a quella dello scorso anno. Il Genoa rimonta tre volte complici le gaffe di Fazio, Jesus e Mancini. I giallorossi, spregiudicati in avanti, crollano dietro. Pau Lopez è l’unico nuovo nella formazione titolare e i 10 di movimento sono noti al pubblico.

Mancano alcune pedine nel 4-2-3-1 da prendere entro il 2 settembre. Una di sicuro è un difensore centrale, l’acquisto di spessore che sistemi la difesa dopo la partenza di Manolas. Il giovane Mancini va in panchina e si riparte da Fazio e Jesus che non danno alcuna garanzia, nemmeno a difesa schierata come si è notato sul gol di Pinamonti. Il bis viene concesso dopo la prodezza di Dzeko. Fazio perde il tempo di anticipo contro Kouame e Jesus sbaglia in area falciando Pinamonti, altro pareggio del Genoa.

La situazione non migliora nella ripresa con l’entrata di Mancini per il brasiliano. Cross di Ghiglione e testa di Kouame che sfrutta la posizione sbagliata del centrale e la mancata diagonale di Florenzi. Fonseca conosce bene i limiti della squadra e allo stesso tempo prende atto dei progressi in attacco e quando la Roma avanza diventa divertente ed efficace. C’è armonia e velocità nel rombo d’attacco. Lo scrive “Il Messaggero”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa