Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Settembre giallorosso, ma nel ’52 Coppa Messaggero biancoceleste

Mese favorevole ai giallorossi nelle stracittadine

Si ricomincia dal gol di Cataldi e dall’apoteosi laziale per il 3-0 inflitto alla Roma. Era il 2 marzo e il cappotto contribuì notevolmente all’esonero di Di Francesco, cacciato ufficialmente il 7 marzo all’indomani dell’eliminazione dei giallorossi dagli ottavi di Champions per mano del Porto. Al suo posto arrivò Ranieri, che guidò la Roma a chiudere l’ultima stagione delle Bandiere.

Quello di domenica, infatti, dopo 26 anni sarà il primo derby romanista senza Totti&De Rossi. Un anno zero anche per la stracittadina che sarà quella di campionato più precoce di sempre. Il record precedente era datato 2013: il 22 settembre vinse la Roma dell’esordiente Garcia per 2-0. I gol di Balzaretti e di Ljaic su rigore ridiedero ossigeno a una Sud asfissiata dalla finale di coppa Italia persa quattro mesi prima. Anche lo scorso anno il derby di andata si disputò a settembre, sabato 29, e lo vinse ancora la squadra giallorossa per 3-1: al vantaggio di tacco di Pellegrini allo scadere del primo tempo, replicò nella ripresa Immobile spietato a sfruttare un’indecisione di Fazio, poi Kolarov su punizione e lo stesso Fazio di testa fissarono il punteggio.

Ma i due precedenti di campionato non sono gli unici derby disputati nel mese in cui finisce l’estate: se ne contano 12, con 9 vittorie della Roma, 2 della Lazio e solo un pareggio (0-0) maturato il 9 settembre 73 in Coppa Italia. Perché un tempo settembre era un mese dedicato alla Coppa Italia o a partite amichevoli di preparazione al torneo. Come quella del 7 settembre 1952: Lazio-Roma assegnò la Coppa Messaggero. La vinsero i biancocelesti imponendosi per 3-1 contro una Roma che si apprestava a tornare in serie A dopo l’anno (l’unico della sua storia) trascorso in serie B. Lo racconta “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa