Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Bernard Challandes (ex Ct Armenia): “La Roma ora è un club ideale per il suo tipo di calcio”

“E’ un giocatore fantastico e sarà un grande acquisto per il calcio italiano per il suo livello di professionalità”

Bernard Challandes, ct del Kosovo ed ex Ct dell’Armenia, dove ha allenato Henrikh Mkhitaryan, è intervenuto ai microfoni di Tele Radio Stereo questa mattina. Ecco le parole di Challandes:


Ha allenato Mhkitaryan in nazionale per un anno, qual è in campo la posizione migliore per questo giocatore?

“Per lo più è un giocatore offensivo, può giocare in qualsiasi posizione a ridosso dell’attaccante ma non è un giocatore di fascia offensiva inteso come giocatore di profondità. Piuttosto è un giocatore che entra più nel centrocampo sulla trequarti e detta l’ultimo passaggio. Si esprime al meglio a ridosso della prima punta e ha anche capacità di tirare in porta. E’ un ragazzo che tiene poco la palla e ama giocare di squadra, fa gruppo e anche nello spogliatoio è fantastico. Parla tante lingue e pensa sempre al bene del club in cui gioca”. 

Che giocatore ha acquistato la Roma?
“Lui è stato un pupillo di Klopp ed è stato voluto fortemente da Mourinho. Ama giocare a calcio, è molto tecnico e forse questo lo ha allontanato un po’ dal portoghese e lo ha spinto ad arrivare all’Arsenal dove ha comunque giocato sempre con continuità. E’ un giocatore fantastico e sarà un grande acquisto per il calcio italiano per il suo livello di professionalità. La Roma ora è un club ideale per il suo tipo di calcio. Sappiamo che Roma è una città molto particolare, ancora non capisco come Schick non si sia affermato nella Capitale, ma questo può essere uno sprono per il rendimento di Mkhitaryan e sono sicuro non avrà problemi ad ambientarsi”. 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News