Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Karsdorp: “A Roma ero stressato. Ho fatto uno sprint per rabbia e mi sono infortunato”

Parla il terzino olandese

Rick Karsdorp è tornato in Olanda dopo due anni deludenti alla Roma. I tanti infortuni patiti dal terzino classe ’95, arrivato per 19 milioni di euro totali, hanno reso la sua avventura romanista un vero e proprio incubo. Karsdorp è rientrato al Feyenoord, in prestito, e ha rilasciato un’intervista al De Telegraaf:

Ho fatto l’intera preparazione con la Roma, quindi puoi pensare che fossi totalmente in forma. Ma se hai giocato così poco per due anni vai ancora incontro a qualche problema, però sono ancora giovane e scompariranno presto. Ho recuperato dall’infortunio al crociato, ma poi ho avuto all’improvviso un altro infortunio al tendine. Qui, però, non ho niente. Dal primo giorno al Feyenoord mi sono sentito più fresco, ma non è vero che ci si allena meno rispetto all’Italia. Con Stam devi andare al massimo. Non escludo che lo stress possa aver giocato un ruolo decisivo: si dice ‘mens sana in corpore sano’. Se ti diverti e hai più fiducia giochi in maniera più libera. Se sei stressato perché sei di nuovo infortunato, o sei arrabbiato perché non giochi mai, la tua testa sarà diversa. Quindi, per invidia o per rabbia, in allenamento ho fatto uno sprint e improvvisamente mi sono infortunato di nuovo. Qui invece sono più rilassato.

Nazionale? Già me l’hanno chiesto, ma ho giocato solo 4 partite e soprattutto 15 partite nelle 100 settimane precedenti. Se faccio 10 assist e 5 gol è una domanda che ci sta, ma non ora. Sono tornato al Feyenoord anche per questo, se sai che giochi ogni settimana e fai bene, ci saranno opportunità. La sostituzione contro il Willem II? Ho parlato con l’allenatore subito dopo la partita. Sa che io ho una mentalità vincente. Eravamo 0-0, avevo sempre la sensazione che potessi fare di più per la squadra ma ha fatto bene a cambiarmi“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News