Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Focus

AS Roma Data, prima vittoria stagionale per i giallorossi. Pellegrini uomo assist (TWEET)

I giallorossi ottengono i primi tre punti del campionato grazie ad un ottimo primo tempo. Pellegrini fantastico, tre assist in mezz’ora

Arriva finalmente la prima vittoria della Roma in Serie A. Ed arriva in una partita non semplice, contro un avversario ostico come il Sassuolo di De Zerbi, protagonista delle prime due giornate di campionato. I neroverdi infatti si erano imposti come una delle squadre più toste del campionato, forte anche un possesso palla incredibile (il 68% nelle prime due giornate, il più alto e del campionato) e un gioco attento scandito da passaggi precisi ed efficaci. Ieri sera la Roma ha saputo mettere all’angolo in poco più di mezz’ora il Sassuolo, grazie alle sue percussioni rapide e ad un gioco che sa sì attaccare, ma che deve ancora migliorare qualcosa in fase difensiva.

Ma analizziamo i dati: tramite il profilo Twitter AS Roma Data possiamo avere un quadro più dettagliato della situazione. A fare da padrone nel primo tempo è sicuramente il ritmo, dettato dagli 88 passaggi corretti eseguiti dai giocatori di Fonseca. Il numero è uguale a quello del Sassuolo, squadra che ha fatto del passaggio rapido e del possesso palla il suo perno centrale. Sull’ultimo punto domina ancora la squadra di De Zerbi (con il 58%), ma a fare la differenze, come sempre, sono gli interpreti.


Primo fra tutti Lorenzo Pellegrini: il centrocampista giallorosso, man of the match della gara, si è messo in mostra nella posizione più congeniale alle sue qualità, dietro a Dzeko. In poco più di 30 minuti il numero 7 della Roma è riuscito a dispensare 3 assist ai suoi compagni.


Nella ripresa, complice anche la stanchezza, il ritmo e l’attenzione della Roma sono venuti meno, e ciò ha portato ai due gol del Sassuolo. Nonostante qualche sbavatura però gli uomini di Fonseca sono riusciti a rimanere padroni del campo, ottenendo la bellezza di 15 tiri, di cui 6 nello specchio della porta. Anche il possesso palla è risultato più marcato, abbattendo quasi del tutto il divario creatosi nei primi 45′ di gioco.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Focus