Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Kolarov: “Vittoria fondamentale per indirizzare la squadra. Il rigore? Convintissimo di avere preso il pallone”

Il terzino giallorosso: “La punizione? Da quella posizione sono sempre fiducioso di fare go. Ho pensato di far passare il pallone sopra la barriera”

Al termine del match vinto dalla Roma sul Bologna, è intervenuto ai microfoni dei cronisti il terzino giallorosso Aleksandar Kolarov, autore del primo gol. Queste le sue parole:

KOLAROV A SKY SPORT

C’è una statistica che riferisce che ha segnato su punizione solo meno di Messi, non è che stai abituando la Roma a segnare sempre?
Era una punizione dove sono sempre fiducioso di fare gol. Prima della barriera ho pensato di far passare il pallone sopra la barriera.

Vittoria di carattere e ottima condizione fisica, è un gruppo che sta bene…
Sì, stiamo bene soprattutto perché cerchiamo di giocare sempre e far correre gli avversari, quindi cerchiamo di mantenere anche le energie. E’ una vittoria fondamentale per indirizzare la squadra. Abbiamo partite ravvicinate, abbiamo vinto in casa e ora fuori. Dobbiamo solo di cercare avanti.

Sul rigore?
Sono convintissimo di aver preso il pallone e poi il giocatore, ma non posso sparire dopo aver preso il pallone. Ho chiesto all’arbitro di vederlo al VAR, dopo neanche dieci secondi mi ha detto che il rigore era confermato. L’errore ci può stare, poteva compromettere la partita, speriamo che non accada più una cosa del genere in futuro

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra