Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Prima sconfitta, Fonseca deluso: «Loro più forti»

La Roma si schianta contro la corazzata Atalanta. Smalling: “Dispiaciuto per il risultato”. Fonseca: “I narazzurri hanno meritato la vittoria”

La Roma crolla davanti agli occhi dei suoi tifosi nel momento più positivo. Dopo la bella vittoria in extremis ottenuta domenica scorsa sul campo del Bologna, ieri la squadra di Fonseca non riesce a ingranare la marcia, schiantandosi all’Olimpico contro un’Atalanta superiore in tutto. Unica nota positiva, l’esordio di Chris Smalling, perno della difesa e migliore in campo per i giallorossi: “Mi dispiace molto per il risultato – spiega proprio Smalling – è stata la mia prima partita, devo crescere e nella prossima farò meglio. Mi aspettavo così il calcio italiano, so che ogni gara è una battaglia e io sono pronto a combattere”.

Sembra abbastanza sconsolato Paulo Fonseca: “Un passo indietro per noi? Con tutta onestà dico che l’Atalanta ha meritato la vittoria, noi non siamo riusciti a fare un buon gioco, non abbiamo mai avuto la palla, era davvero difficile contro un avversario che fa la marcatura a uomo e pressa molto. Per questo ho cambiato sistema, passando alla difesa a tre, ma non abbiamo fatto quello che dovevamo fare. Non siamo riusciti a servire Dzeko, e quello sarebbe stato il modo migliore per uscire dalla difesa. Ma adesso guardiamo avanti e non ci buttiamo giù allo stesso modo in cui non dovevamo esaltarci dopo le tre vittorie consecutive”. Lo riporta La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa