Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo non va, cambi e difesa da rivedere: la Roma di Fonseca si scopre vulnerabile

Dopo la sconfitta con l’Atalanta sono arrivate le prime critiche al portoghese

Passare da fenomeni a brocchi, o viceversa, a Roma è un percorso abituale e Fonseca non poteva scampare. Dopo la sconfitta contro l’Atalanta sono arrivate le prime critiche e in primis viene messo il cambio di modulo a partita in corso. Poi i cambi, in particolare quello di Zaniolo, hanno peggiorato le cose. Anche le parole nel post-partita, in cui è stata esaltata la superiorità dell’avversario, non hanno convinto. Il percorso di crescita è ancora lungo, ma ora Fonseca può sfruttare il calendario già a partire da domenica contro il Lecce.

Il primo aspetto da analizzare sono i giocatori fuori ruolo e l’esempio più lampante è quello di Florenzi che mercoledì ha cambiato tre posizioni. Rischia di diventare un caso Zaniolo che è apparso di nuovo nervoso e ancora una volta sostituito. Da registrare la fase difensiva e preoccupa la tenuta fisica. Oggi Spinazzola si sottoporrà agli esami, ma il rischio è che si tratti di lesione: è il settimo KO in stagione, il secondo per il giocatore. A Lecce ci saranno pochi cambi ed è possibile l’inserimento di Diawara a centrocampo, mentre in attacco tornerà Kluivert per uno stanco Pellegrini.

Intanto Jesus è stato protagonista di un pesante episodio di razzismo. Un tifoso lo ha insultato e la Roma ha segnalato il tutto alla Polizia Postale e dopo ha ha comunicato che quella persona sarà daspata a vita dalla partite dei giallorossi. Lo scrive Leggo.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa